• Collettivo Extravesuviana

    • febbraio 27, 2015 in Parole

    Morte antologica permanente

    di Pietro Pancamo*

    Siccome la vita

    ci rovina la vita

    (sempre!),

    a giugno ho visitato

    (un po’ turista, un po’ becchino

    e un po’ parente sconsolato)

    l’interessante morte

    antologica permanente

    delle mie speranze

    migliori:

    quanti sogni falliti

    imbalsamati in bella mostra!

     

    Li guardavo e piangevo

    desolato nero,

    dannandomi frenetico

    la salute.

     

    E adesso è soltanto

    stanchezza rabbiosa

    resistere ogni giorno

    al ripetersi ingombrante del respiro

     

    e della luce.

     

    *Pietro Pancamo scrive per la piattaforma culturale di Hong Kong «Beyond Thirty-Nine». Ha collaborato, come recensore, con il «Corriere della Sera». Dopo essere stato incluso nell’antologia «Poetando» (Aliberti) curata da Maurizio Costanzo, si è visto pubblicare una breve raccolta di versi dal blog «Poesia» della Rai e dedicare una puntata del programma «Poemondo» dalla radio nazionale della Svizzera italiana.